Home  |  Login  |  Registrazione  |  Dati  |  Mappa
Ruinon  (Monitorata dal 1997)
Area del dissesto
Scheda del dissesto "Ruinon"
Località: Santa Caterina Valfurva
Comune: Valfurva (SO)
Cartografia: Sezioni C.T.R. 1:10000 D2d1 Val di Sotto est – D2e1 Santa Caterina Valfurva
Tipologia del dissesto: scivolamento di detrito superficiale e di roccia profondo, più possibili crolli di massi anche di grossa volumetria e colate detritiche in concomitanza ad eventi meteorologici (pioggia e/o disgelo)
Reti di monitoraggio: geotecnica automatica e manuale, GPS automatica e manuale, topografica e meteorologica. Sul versante opposto a quello della frana dall’estate 2006 è posizionato un’interferometro che trasmette i dati in tempo reale presso la sede Centrale di Arpa Milano
Riferimento: scheda n. 78 Atlante "Centro abitati instabili della provincia di Sondrio" (edito Regione Lombardia) e Inventario dei dissesti della Regione Lombardia
Elementi a rischio: prioritariamente interessamento della strada ex SS300. In caso di collasso generalizzato, rischio ostruzione del torrente Frodolfo con possibili formazioni di onde liquido/solide ad alta mobilità rischia di interessare gli abitati di S.Antonio, Uzza, S.Nicolò, S.Gottardo e Bormio
Piani di emergenza: esiste un piano particolareggiato di emergenza elaborato dalla prefettura di Sondrio attivato dalle segnalazioni di superamento soglie relativamente alla strumentazione del sistema di monitoraggio
Link veloci
:: Scheda
:: Osservazioni
Sensoristica
Termometro (1)
Pluviometro (1)
Estensimetro (28)
Catena inclinometrica (2)
Basi distometriche (48)
Mira ottica (29)
Basi per Gps manuale (8)
Piezometro (2)
Master topografico (2)
Radar
Monitoraggio Radar Immagine Webcam
Topografia e foto
Vedi foto n.1
Vedi foto n.2
Vedi topografia n.1
Vedi topografia n.2
Vedi topografia n.3
Osservazioni dissesto Inizio
Frana attiva con forti accelerazioni in concomitanza di eventi meteorologici che subisce rallentamenti nella sua dinamica in occasione del periodo invernale. Si osservano frequenti distacchi di materiale roccioso soprattutto a partire dalla "nicchia bassa".

Scenari di rischio previsti dal "piano particolareggiato della Prefettura di Sondrio"
Vengono elencati i fenomeni che potrebbero aver luogo, in ordine crescente di pericolosità e di volumi coinvolti, con relativa indicazione delle aree interessate dalle fenomenologie proprie di ogni scenario.

Scenario A - Crollo di massi isolati provenienti dalle due nicchie o dal detrito già in parte mobilizzato. I blocchi di maggiori dimensioni (diverse decine di mc) possono raggiungere il fondovalle per rotolamento o rimbalzo.

Scenario B - Formazione di colate detritiche e/o franose coinvolgenti il materiale presente sul corpo frana e a monte della stessa, in particolare ai due lati della zona di frana che possono canalizzarsi nella piccole incisioni vallive presenti e possono raggiungere il fondovalle.

Scenario C - mobilizzazione e franamento di porzioni di ammasso roccioso di volumetria variabile, dell'ordine delle migliaia di metri cubi, provenienti sia dalla Nicchia Alta che dalla Nicchia Bassa, sotto forma di scivolamenti o valanghe di roccia/detrito, con elevata energia e velocità di movimento, che potrebbero raggiungere il fondovalle.

Scenario D - mobilizzazione e franamento di porzioni di ammasso roccioso, con gli stessi meccanismi ipotizzati nello scenario C ma con volumetrie maggiori (centinaia di migliaia di mc), che potrebbero ostruire parzialmente il corso del torrente Frodolfo, con successiva rimobilizzazione del materiale e conseguente aumento del trasporto solido e con fenomeni eorsivi e di esondazione a valle.

Scenario E - Franamento dell'intero ammasso di frana instabile con volumetrie fino ad alcune decine di milioni di mc, con totale sbarramento del corso del torrente Frodolfo e con formazione di un invaso di ritenuta a monte dell'accumulo e con eventuale tracimazione (sfondamento della diga naturale formatasi). Tutto il fondovalle del torrente Frodolfo e parte del versante opposto verrebbero interessati dalla valanga di roccia e dall'ondata detritica di piena conseguente.
Semogo
Valdidentro (SO)
Suena
Valdisotto (SO)
Boero
Valdisotto (SO)
Oultoir
Valdisotto (SO)
Val Pola
Valdisotto (SO)
Arlate
Grosotto (SO)
Bema
Bema (SO)
Campo Franscia
Lanzada (SO)
Cresta Emet
Madesimo (SO)
Gallivaggio
San Giacomo Filippo (SO)
Gera Lario
Montemezzo (CO)
Idro
Idro (BS)
Il Pizzo
Branzi (BG)
Monte Letè
Sueglio (LC)
Monte Masuccio
Tirano (SO)
Monte Mater
Madesimo (SO)
Pruna
Talamona e Tartano (SO)
San Giorgio
Talamona (SO)
Sasso del Cane
Chiesa in Valmalenco (SO)
Saviore
Saviore dell’Adamello (BS)
Spriana
Spriana (SO)
Torreggio
Torre di Santa Maria (SO)
Val Febbraro
Madesimo (SO)
Val Genasca
San Giacomo Filippo (SO)
Vedi altre aree...
Geotecnico
Topografico
GPS
Idrometeorologico
Localizza i dissesti
Monitoraggio Geotecnico
Monitoraggio Topografico
Monitoraggio GPS
Monitoraggio Idrometeorologico
Le funzionalità del centro
Prodotti e servizi
Zone monitorate
News dal centro
Home  |  Login  |  Registrazione  |  Dati  |  Mappa