Home  |  Login  |  Registrazione  |  Dati  |  Mappa
Le news dal Centro
Pagina  1   2   3   4   5   6    
15/12/2017 - Precollaudo rete di monitoraggio a controllo delle frane di Bindo e Rossiga in Comune di Cortenova (LC)
Il 29 novembre 2017 sono state effettuate le procedure di precollaudo della rete di monitoraggio a controllo delle frane di Bindo e Rossiga in Comune di Cortenova (LC). Questo ulteriore monitoraggio si inserisce nell`ambito del progetto ARMOGEO (Adeguamento e ampliamento della Rete di Monitoraggio GEOlogico) di ARPA Lombardia. Gli interventi hanno riguardato la realizzazione di due sondaggi(in uno di questi è già stata installata una colonna inclinometrica multiparametrica DMS® a fine giungo u.s.), la sostituzione dei 3 trasduttori di pressione attualmente installati, la realizzazione di un nuovo ricovero per la stazione totale nei pressi del cimitero di Cortenova, la fornitura e installazione di una stazione totale e delle relative mire ottiche per il monitoraggio in continuo dei movimenti superficiali. La rete è stata infine completata installando una telecamera brandeggiabile. Sono previste sessioni di misura periodiche - eseguite dai tecnici del Centro di Monitoraggio - sulle tubazioni piezometriche per lo scarico dei dati degli acquisitori, oltre che per verificare i valori registrati.
25/11/2017 - Servizio di modellazione dissesti ARMOGEO
Nell`ambito del progetto ARMOGEO (Adeguamento e ampliamento della Rete di Monitoraggio GEOlogico) di ARPA Lombardia, oltre all`adeguamento e potenziamento di alcuni dissesti regionali, è previsto uno studio di modellazione per alcuni di essi al fine di definire delle soglie di allertamento alla Sala della Protezione Civile regionale. Il 24 novembre 2017è stato quindi dato l`avvio alle attività di modellazione da parte dei professionisti indicati dal Raggruppamento Temporaneo d`Imprese incaricato dei lavori di adeguamento per le reti di Vignola (Comune di Ponte Nizza - PV) e di Paisco-Grumello (Comune di Paisco Loveno - BS). Il termine di tali attività di studio è previsto per la fine del prossimo anno.
19/10/2017 - Precollaudo rete di monitoraggio a controllo del versante dei Tezzi in Comune di Gandellino (BG)
Il 19 ottobre 2017 sono state effettuate le procedure di precollaudo della rete di monitoraggio del versante dei Tezzi in Comune di Gandellino (BG). Questo ulteriore monitoraggio si inserisce nell`ambito del progetto ARMOGEO (Adeguamento e ampliamento della Rete di Monitoraggio GEOlogico) di ARPA Lombardia. Gli interventi hanno riguardato la realizzazione di cinque sondaggi a distruzione (IC1 ter, profondo 75 m; IC3 ter, 65 m; IC5ter, 60 m; IC6ter, 60 m; IC7, 80 m), in ognuno dei quali sono state installate 2 sonde inclinometriche fisse, ad esclusione della verticale IC3 ter dove sono istallate 4 sonde inclinometriche. Sono inoltre stati installati 2 trasduttori di pressione oltre ai due già presenti, una nuova stazione meteo dotata di un pluviometro riscaldato e un termometro e, infine, una stazione di acquisizione per l`acquisizione dei dati e la trasmissione al Centro di Monitoraggio via GSM/GPRS, con frequenza di 30 minuti per i dati geotecnici e di 10 minuti per quelli meteorologici. Come per le altre reti di monitoraggio già in gestione al centro e oggetto di adeguamento del progetto ARMOGEO, nel caso di mancata copertura della rete telefonica, la trasmissione dei dati verrà garantita con tecnologia satellitare. L`acquisizione dei dati registrati dalla strumentazione installata alla stazione di acquisizione avverrà mediante una rete Wi-Fi locale: tale tecnologia, già utilizzata dal Centro su alcune aree in frana (Pal, Idro e Torrioni di Rialba), prevede la trasmissione dei dati attraverso una rete locale in modalità wireless, evitando di cablare ogni singolo strumento alla stazione di acquisizione che hanno permesso di ridurre i tempi di realizzazione della rete, contenendo anche i relativi costi di esecuzione e manutenzione. Sono infine previste sessioni di misura periodiche - eseguite dai tecnici del Centro di Monitoraggio - sulle tubazioni inclinometriche e piezometriche per verificare i valori della strumentazione geotecnica.
01/08/2017 - AREE BURENA E BUBEGNO IN COMUNE DI SAN NAZZARO VAL CAVARGNA (CO) - Lavori di adeguamento e ed implementazione del sistema di monitoraggio.
Sono stati consegnati i lavori di adeguamento e di implementazione della rete di monitoraggio a controllo degli abitati Burena e Bubegno in Comune di San Nazzaro Val Cavargna (CO), di cui al progetto esecutivo approvato con Decreto del Direttore Generale di ARPA Lombardia n. 298 del 30.05.2016.Il progetto di adeguamento prevede l`esecuzione di un sondaggio a carotaggio continuo con posa di 4 sonde inclinometriche fisse e la relativa centralina di acquisizione, l`installazione di una stazione meteo, dotata di un pluviometro e un termometro, l`adeguamento tecnologico delle 3 stazioni di acquisizione dei dati esistenti e la trasmissione dei dati acquisiti dalla strumentazione al Centro di Monitoraggio via GSM/GPRS, con frequenza di 30 minuti per i dati geotecnici e di 10 minuti per quelli meteorologici; nel caso di mancata copertura della rete telefonica, la trasmissione dei dati verrà garantita con tecnologia satellitare. Verrà altresì realizzata una rete di monitoraggio topografico a rilevamento manuale, mediante la posa di un pilastrino topografico sul versante opposto agli abitati e l`installazione su alcuni edifici di mire ottiche.Al termine di un primo periodo di monitoraggio è prevista la stesura di uno studio di dettaglio del versante e l`individuazione di scenari e soglie di allertamento.
24/07/2017 - IL CMG AL CONVEGNO "GRANDI FRANE ALPINE"
A trent`anni dall`alluvione che ha colpito la Valtellina nel 1987, Regione Lombardia, Ordine Nazionale dei Geologi e Comune di Bormio hanno organizzato, nei giorni 21 e 22 luglio, un Convegno avente come tema "Grandi Frane Alpine - la frana di Val Pola 1987-2017". Il Responsabile del CMG ha partecipato relazionando sulle attività del Centro e due Tecnici hanno accompagnato i partecipanti al Convegno ad un "field trip" sulle frane di Val Pola e Ruinon, illustrando loro la strumentazione installata in questi anni e i sistemi di monitoraggio attualmente utilizzati.
01/07/2017 - Installazione colonna inclinometrica multiparametrica sulla frana di Rossiga in Comune di Cortenova (LC)
Nell`ambito dei lavori di integrazione e manutenzione del sistema di monitoraggio delle frane di Bindo e Rossiga in Comune di Cortenova (LC), il 22 giugno u.s. è stata installata la colonna inclinometrica multiparametrica in un foro di nuova esecuzione (profondo 70 m) previsto nel progetto esecutivo approvato con D.G. ARPA n. 621 del 28.11.2016 (progetto ARMOGEO). La strumentazione installata permetterà di misurare le deformazioni in atto tra i 46 e i 57 metri da p.c., oltre che la misura del livello freatico e la temperatura in foro. I dati misurati dalla colonna vengono già trasmessi al Centro Monitoraggio Geologico in near real time via rete GSM/GPRS (media primario); nel caso di mancata copertura della rete telefonica, la trasmissione viene garantita con tecnologia satellitare.
21/06/2017 - AL VIA IL NUOVO MONITORAGGIO DI TORRIONI DI RIALBA in Comune di Abbadia Lariana (LC)
Il 28 giugno 2017 si avvieranno le procedure di collaudo della rete di monitoraggio di Torrioni di Rialba, in Comune di Abbadia Lariana (Lecco). Questo ulteriore monitoraggio si inserisce nell`ambito del progetto ARMOGEO (Adeguamento e ampliamento della Rete di Monitoraggio GEOlogico) di ARPA. Le attività hanno permesso di realizzare una rete distometrica, composta da 18 coppie di basi distometriche, una rete topografica a rilevamento manuale, composta da 12 mire ottiche e 2 master, ed una rete di monitoraggio ad acquisizione automatica composta da: - 2 misuratori di livello a galleggiante posizionati ai piedi dei torrioni; - 1 stazione pluviotermometrica-8 gruppi di sensori geotecnici, ciascuno formato da un clinometro superficiale, un estensimetro ed un termometro roccia I dati geotecnici verranno acquisiti ogni 30` - i dati idrometeorologici ogni 10`. La trasmissione dei dati avverrà via GPRS e in caso di mancanza di segnale GPRS la trasmissione verrà effettuata automaticamente via satellite. Sono infine previste sessioni di misura ogni anno per acquisire i valori della strumentazione geotecnica e topografica a rilevamento manuale.
19/05/2017 - Il CMG al Politecnico di Milano
Il Politecnico, nell`ambito del "PhD School Course" Progetto "POLIMI4 Casa Italia", ha organizzato un giornata su "Casa Italia e il dissesto idrogeologico" che ha avuto luogo il 17 maggio 2017 presso il Polo territoriale di Lecco. Tra i relatori era presente un Geologo del CMG di Arpa Lombardia, che ha effettuato un intervento dal titolo "Prevenzione del dissesto idrogeologico: il ruolo dei sistemi di monitoraggio".
04/05/2017 - Il tg regionale mostra il sistema di monitoraggio di Ponte Nizza (Vignola, PV)
Nell`edizione delle 19.30 del TG regionale di rai3 del 01/05/2017 è stato trasmesso un servizio riguardante il rischio frana nella frazione di Ponte Nizza, Comune di Vignola (PV).Il piccolo centro abitato è infatti situato ai piedi di una scarpata alta 90 metri, dalla quale negli ultimi anni sono precipitati alcuni blocchi rocciosi. Il servizio trasmesso ha illustrato i sistemi di protezione passiva installati a protezione del centro abitato e la rete di monitoraggio geotecnico gestita dal Centro di Monitoraggio Geologico di Arpa Lombardia. Quest`ultima è attualmente costituita da tre fessurimetri che controllano in tempo reale altrettante fratture nell`ammasso roccioso e da un sistema RADAR ad apertura sintetica posizionato ai piedi della scarpata che ne misura costantemente lo stato di deformazione. A completamento della strumentazione è stata installata una stazione meteorologica. Il sistema di monitoraggio è attivo tutti i giorni h24 e permette di controllare in tempo reale e con qualsiasi condizione climatica la parete rocciosa.
03/04/2017 - FRANA DEI TEZZI IN COMUNE DI GANDELLINO (BG) - Lavori di integrazione e manutenzione del sistema di monitoraggio
Sono stati consegnati i lavori di integrazione e manutenzione (ordinaria e straordinaria) della rete di monitoraggio a controllo del versante dei Tezzi in Comune di Gandellino (BG) di cui al progetto esecutivo approvato con Decreto del Direttore Generale di ARPA Lombardia n. 298 del 30.05.2016. Il progetto di adeguamento prevede l`esecuzione di cinque sondaggi a distruzione (IC1 ter, profondo 75 m; IC3 ter, 65 m; IC5ter, 60 m; IC6ter, 60 m; IC7, 80 m), in ognuno dei quali saranno installate 2 sonde inclinometriche fisse, tranne che per la verticale IC3 ter dove le sonde sono 6.Sono inoltre previste le seguenti installazioni:2 trasduttori di pressione oltre ai due già presenti.Sostituzione della stazione meteo che viene dotata di un pluviometro riscaldato e un termometro. Una stazione di acquisizione per l`acquisizione dei dati e la trasmissione al Centro di Monitoraggio via GSM/GPRS, con frequenza di 30 minuti per i dati geotecnici e di 10 minuti per quelli meteorologici; nel caso di mancata copertura della rete telefonica, la trasmissione dei dati verrà garantita con tecnologia satellitare.L`acquisizione dei dati registrati dalla strumentazione installata alla stazione di acquisizione, avverrà con tecnologia Wi-Fi. Tale tecnologia, già utilizzata dal Centro su alcune aree in frana (Pal e Idro), prevede la trasmissione dei dati attraverso una rete locale in modalità wireless, evitando di cablare ogni singolo strumento alla stazione di acquisizione riducendo, di fatto, sia i tempi di realizzazione della rete che i relativi costi di esecuzione e manutenzione.
23/03/2017 - Installazione rete monitoraggio a controllo dell`abitato di Dossena (BG)
Nell`ambito del Progetto ARMoGeo (Adeguamento Reti MOnitoraggio GEOlogico), si stanno completando le installazioni della rete di monitoraggio geologico a controllo dell`abitato di Dossena (BG), così come previsto dal progetto esecutivo approvato con Decreto del Direttore Generale di ARPA Lombardia n. 298 del 30.05.2016.Gli interventi di adeguamento hanno comportato la perforazione di 4 sondaggi (S6 bis - profondità: 60 m, S7ter - 60 m; S10 bis - 60 m realizzati a distruzione e S3bis - 50m realizzato a carotaggio continuo), attrezzati con tubazione inclinometrica e dotati di cavo TDR. Nei sondaggi S6bis, S7ter e S10 bis sono quindi state collocate n. 4 sonde inclinometriche biassiali fisse, mentre in S3 bis 3 sonde inclinometriche.Sono inoltre sati installati:n. 6 fessurimetri e 3 clinometri da parete a controllo di alcune strutture pubbliche e privaten. 4 trasduttori di pressione per la misura dell`escursione di faldan. 1 stazione meteo completa di pluviometro riscaldato e termometro.I dati misurati dalla strumentazione installata vengono acquisiti da 4 stazioni di acquisizione e trasmessi al Centro Monitoraggio Geologico ogni 30` (dati geotecnici) ed ogni 10` (dati meteo) via rete GSM/GPRS; nel caso di mancata copertura della rete telefonica, la trasmissione dei dati viene garantita con tecnologia satellitare.La rete è completata da un tubo inclinometrico e da una colonna piezometrica, monitorata con campagne di misura manuale eseguite dai Tecnici del CMG.
10/03/2017 - FRANE DI BINDO-ROSSIGA - lavori di integrazione e manutenzione del sistema di monitoraggio
Sono stati consegnati i lavori di integrazione e manutenzione (ordinaria e straordinaria) del sistema di monitoraggio delle frane di Bindo-Rossiga in Comune di Cortenova (LC) di cui al progetto esecutivo approvato con Decreto del Direttore Generale di ARPA Lombardia n. 621 del 28.11.2016.Il progetto di adeguamento prevede l`esecuzione di due sondaggi (profondi 60 e 70 m) nei quali saranno installate due colonne inclinometriche multiparametriche DMS® per la misura dell`inclinazione, temperatura e livello freatico, la sostituzione dei 3 trasduttori di pressione attualmente installati, la realizzazione di un nuovo ricovero per la stazione totale nei pressi del cimitero di Cortenova, la fornitura e installazione di una stazione totale e delle relative mire ottiche per il monitoraggio in continuo dei movimenti superficiali.
20/02/2017 - AVVIATI I LAVORI PER IL MONITORAGGIO DEI TORRIONI DI RIALBA - Comune di Abbadia Lariana (LC)
Nell`ambito del contratto "Servizio di adeguamenti e ampliamento della rete geologica di ARPA Lombardia- Progetto ARMOGEO" ai sensi della Legge Regionale n. 5/2013, in data 17 febbraio 2017 sono stati avviati i lavori relativi al monitoraggio dei Torrioni di Rialba in Comune di Abbadia lariana (LC).I Torrioni di Rialba sono un complesso roccioso intensamente fratturato, in cui è possibile riconoscere 4 fratture sub-verticali, con orientamento NNW-SSE estremamente persistenti in profondità ed in grado di dare origine a fenomeni di crollo/ribaltamento in roccia di diverse volumetrie.Gli interventi di adeguamento tecnologico e di potenziamento, secondo gli standard regionali di monitoraggio geotecnico, previsti dal progetto esecutivo redatto dai Tecnici del CMG, approvato con decreto ARPA n. 298 del 30.05.2016, comportano la fornitura, la posa e l`installazione di una stazione di raccolta dati completa di pluviometro e termometro aria, 8 set di sensori composti ciascuno da un termometro per roccia, un clinometro biassiale e un estensimetro a filo, 2 misuratori di portata, 40 basi distometriche e 1 rete topografica composta da 14 mire ottiche e da 1 master.
08/02/2017 - MISURE MANUALI SULLE AREE DI MONITORAGGIO
Con il mese di febbraio hanno preso avvio le campagne di misure specialistiche sulla totalità dei siti monitorati dal Centro di monitoraggio Geologico di Arpa Lombardia.Per il 2017 sono programmate oltre 150 misure specialistiche ( distometriche, estensimetriche, piezometriche, inclinometriche topografiche e gps) che vedranno impegnati sia i tecnici del CMG che le Guide Alpine.
15/01/2017 - Misure manuali svolte dai tecnici CMG
Il 2016 ha visto i Tecnici del Centro di Monitoraggio Geologico impegnati in numerose campagne di misura specialistiche; con anche l`ausilio delle Guide Alpine, sono state eseguite 23 campagne inclinometriche, 25 tra distometriche, estensimetriche e piezometriche, 24 topografiche e 35 GPS. Le sole misure in parola, escludendo quindi i sopralluoghi in frana e nei cantieri del progetto ARMOGEO, hanno impegnato i tecnici del CMG per un totale di 161 giornate uomo.
23/12/2016 - Integrazione trasmissione dati delle colonne inclinometriche multiparametriche DMS® installate a controllo della frana a Valle di Saviore (BS)
Il Centro Monitoraggio Geologico, nell`ottica di migliorare le reti esistenti, nel mese di dicembre ha integrato le centraline di acquisizione dei dati delle due colonne inclinometriche multiparametriche DMS® a controllo della frana in frazione di Valle in Comune di Saviore dell`Adamello (BS), installando dei sistemi di trasmissione dati anche con tecnologia satellitare. Tale tecnologia, che oggi sta avendo sempre maggior diffusione, viene utilizzata come supporto alle reti di comunicazione sotto forma di integrazione nei servizi di copertura, oppure di ridondanza trasmissiva in caso di necessità (malfunzionamenti, guasti, ecc. ecc.), ad esempio in conseguenza ad eventi come i disastri naturali che potrebbero causare un interruzione delle altre infrastrutture (rete telefonica fissa o mobile, ponti radio) usualmente utilizzate per le comunicazioni. Le centraline delle colonne inclinometriche multiparametriche, pertanto, oltre a trasmettere i dati via rete mobile GPRS/UMTS (rete primaria), potranno ora trasmettere i dati al CMG anche via satellite (rete secondaria) in caso di mancata copertura della rete telefonica, garantendo in questo modo di controllare con continuità l`evoluzione del dissesto.
19/12/2016 - Presentato a Bergamo il Progetto ARMOGEO (Adeguamento Reti MONitoraggio GEOlogico)
Analogamente a quanto presentato lo scorso 5 dicembre presso la sede STer di Lecco, il 17 dicembre è stato illustrato presso il dipartimento ARPA di Bergamo il progetto ARMOGEO attraverso il quale ARPA Lombardia includerà nella rete gestita dal proprio Centro di Monitoraggio Geologico 15 ulteriori reti di monitoraggio a controllo di diversi dissesti dislocati sul territorio lombardo. Il progetto ARMOGEO impegnerà i tecnici del Centro, in affiancamento al RTI (raggruppamento temporaneo di imprese) al quale sono stati affidati con i lavori, fino alla fine del 2018. Tale progetto prevede, oltre all`adeguamento di 15 nuove reti, l`integrazione delle reti esistenti con l`installazione di sistemi di trasmissione satellitare in grado di garantire la continuità del dato in caso di mancata copertura delle rete GPRS/UMTS. La raccolta dei dati permetterà, mediante apposite modellazioni geologiche, di individuare soglie di pericolosità finalizzate all`allarmistica per un totale di 22 aree su 42. L`adeguamento tecnologico prevede infine anche l`installazione di strumentazione di alto livello, quali: il DMS® (già attivo in Val Genasca in Comune di S. Giacomo Filippo - SO, Idro - BS, Valle di Saviore in Comune di Saviore dell`Adamello - BS), ossia una colonna inclinometrica multiparametrica che misura in continuo gli spostamenti e la presenza di acqua nel versante di frana; l`interferometria radar da terra (già attiva a controllo della frana del Ruinon e del Gallivaggio); il controllo continuo dei movimenti con l`acquisizione dei dati in near real time; l`ulteriore efficientamento del sistema informatico dedicato per garantire il processamento h24 e l`archiviazione dei dati in totale sicurezza. All`incontro, a cui hanno partecipato fra gli altri i rappresentanti delle comunità montane e dei comuni interessati, sono stati illustrati gli interventi che riguarderanno 9 dissesti, 5 dei quali in Provincia di Brescia (Roncaglia - Pian Camuno, Paisco e Grumello - Paisco Loveno, Zinvill - Sellero, Pal - Sonico e Idro, queste ultime due aree già in gestione al Centro), 3 in Provincia di Bergamo (Dossena, Tezzi - Gandellino, Pagafone - Fuipiano Valle Imagna) e 1 in Provincia di Pavia (Vignola - Ponte Nizza).
15/12/2016 - Il CMG nelle aree interessate dal terremoto in Italia centrale
A seguito delle nuove scosse di terremoto del 30 ottobre u.s. che hanno colpito i territori umbro-marchigiani, ISPRA ha richiesto la disponibilità di personale a supporto delle attività del Di.coma.C (Direzione Comando e Controllo) della Protezione Civile con sede a Rieti. Il Centro Monitoraggio Geologico pertanto ha collocato sul posto, nella settimana dal 4 al 11 dicembre 2016, il dr. Geologo Dennis Bonetti. Questi insieme ad un collega di ARPA Toscana (Dipartimento di Pisa), i tecnici di ISPRA e del Dipartimento di Protezione Civile, ha verificato l`idoneità dal punto di vista geologico di alcuni siti per l`installazione di moduli SAE (Strutture Abitative di Emergenza) e MUSP (Moduli ad Uso Scolastico Provvisori) nei comuni di Norcia (PG), Cessapalombo (MC), Acquacanina (MC), Camporotondo di Fiastrone (MC), Pievebovigliana (MC), Fiordimonte (MC), Loro Piceno (MC) e Ripe San Ginisio (MC). Inoltre, durante i numerosi sopralluoghi nelle aree di interesse geologico, si è presa visione della situazione sulla strada di collegamento Norcia-Castelluccio di Norcia (interessata da importanti fenomeni di crollo che hanno determinato la sua chiusura al traffico) e sulla S.P. 209 in Val Nerina dove una frana caduta tra Visso (MC) e la sua frazione Molini ha coinvolto la sede stradale determinando l`esondazione del Nera.
05/12/2016 - PRESENTATO A LECCO IL PROGETTO ARMOGEO Entro il 2018 saliranno a 42 le reti gestite dal Centro di Monitoraggio Geologico di ARPA Lombardia
È stato presentato oggi nella sede regionale di Lecco, il progetto ARMOGEO attraverso il quale, entro il 2018, ARPA Lombardia includerà nella rete gestita dal proprio Centro di Monitoraggio Geologico 15 ulteriori strumentazioni di controllo delle frane dislocate nel territorio lombardo.ARMOGEO è il più importante progetto di questo tipo mai avviato finora a livello nazionale e coinvolge 15 Comuni e 8 Comunità montane nelle 6 province di Sondrio, Como, Lecco, Bergamo, Brescia e Pavia, portando entro il 2018 a 42 il numero totale di reti gestite dal Centro di Monitoraggio Geologico regionale dell`Agenzia.Il progetto ha previsto una prima fase di ricognizione di tutta la strumentazione che, dal 2000 al 2013, era stata gestita direttamente dai Comuni in maniera disomogenea. La ricognizione ha comportato un impegnativo lavoro di ricostruzione dei dati pregressi, non sempre disponibili, e l`individuazione di una trentina di reti su cui effettuare approfondimenti. Rispetto a questo elenco di oltre 30 reti, in base a precisi criteri tecnici, Regione ha selezionato 15 siti su cui intervenire in via prioritaria. Dal 2014, queste reti sono state inserite nel progetto ARMOGEO e acquisite attraverso apposite convenzioni con i Comuni e/o i proprietari privati dei terreni in cui si trovano. Da dicembre 2015 è iniziata la fase di adeguamento e potenziamento tecnologico delle strumentazioni che entreranno via via a far parte a pieno titolo della rete di monitoraggio regionale. Da giugno 2016, sono già attive le reti di Catasco (CO) e Paisco (BS).Al fine di sviluppare un`unica rete regionale integrata, Regione Lombardia ha stanziato 4.500.000 euro, introducendo - con l`art. 6 comma 9 e 10 della LR5/2013 di modifica alla legge istitutiva della Agenzia - la possibilità per ARPA di acquisire sistemi di monitoraggio geologico già esistenti sul territorio lombardo e gestiti da altri enti.Il fitto cronoprogramma di ARMOGEO impegnerà i tecnici del CMG, in affiancamento al RTI (raggruppamento temporaneo di imprese) al quale sono stati affidati con i lavori, fino alla fine del 2018.Tutte le reti di monitoraggio nelle varie aree di dissesto saranno messe in grado di inviare il dato alla sala operativa del CMG tramite almeno due differenti mezzi trasmissivi (GPRS, Satellite, Radio) per garantire la ricezione costante del dato e, grazie ad apposite modellazioni, verranno individuate soglie di pericolosità finalizzate all`allarmistica in un totale di 22 aree su 42.L`adeguamento tecnologico, inoltre, prevede l`utilizzo strumentazione di alto livello, quali il DMS (già attivo in Val Genasca), ossia una colonna inclinometrica che misura in continuo gli spostamenti e la presenza di acqua nel versante di frana, l`interferometria satellitare, il controllo continuo dei movimenti con l`acquisizione dei dati in near real time e, infine, l`ulteriore efficientamento del sistema informatico dedicato per garantire il processamento h24 e l`archiviazione dei dati in totale sicurezza.All`incontro di oggi, a cui hanno partecipato fra gli altri rappresentanti delle province di Como, Lecco e Sondrio, delle Comunità montane e dei Comuni interessati, è stata illustrata in particolare la situazione relativa a 9 dissesti, 5 dei quali in territorio Lecchese (Bedolesso e Monte Piazzo - Dorio, Bindo Rossiga - Cortenova, Noceno - Vendrogno, Rialba - Abbadia Lariana), 2 nel Comasco (Catasco - Garzeno, San Nazzaro in Valcavargna) e 2 in provincia di Sondrio (Monte Mater, Val Dagua - Torre Santa Maria).
17/11/2016 - ACQUISITA NUOVA STRUMENTAZIONE PER LE INDAGINI IN FORO
Il Centro di Monitoraggio Geologico si è dotato di nuova strumentazione per le indagini profonde. Sono infatti state acquisite una videocamera da pozzo e un ecometro per misure TDR (Time Domain Reflectometer). La videocamera, con cavo da 150 metri e resistente a una pressione di 15 bar, permette di eseguire ispezioni in tubi inclinometrici e in tutti i tipi di pozzi e fori di sondaggio, allo scopo di osservare sia gli eventuali danneggiamenti alla strumentazione installata sia la presenza di particolari condizioni quali venute d`acqua o la litologia nei fori non rivestiti.L`ecometro misura le deformazioni lungo un cavo elettrico di tipo coassiale posto parallelamente a un tubo inclinometrico, in genere fissato all`esterno di esso. L`utilizzo delle nuove attrezzature permetterà al personale del Centro di controllare in maniera ancor più approfondita e persistente le deformazioni profonde nei corpi di frana.
Geotecnico
Topografico
GPS
Idrometeorologico
Localizza i dissesti
Monitoraggio Geotecnico
Monitoraggio Topografico
Monitoraggio GPS
Monitoraggio Idrometeorologico
Le funzionalità del centro
Prodotti e servizi
Zone monitorate
News dal centro
Home  |  Login  |  Registrazione  |  Dati  |  Mappa